lunedì 28 aprile 2014

Tavolo di luce dal design scandinavo

Pare che ormai la moda sia esplosa: all'ultima edizione di Mercante in Fiera (Marzo 2014)(www.mercanteinfiera.it), imperdibile fiera dell'antichità e del modernariato per appassionati e professionisti del settore che si tiene due volte all'anno a Parma, ne abbiamo visti di belli...
Di cosa stiamo parlando? Di tavoli alla Tapio Wirkkala!

X-Frame
X-Frame di Artek (design Tapio Wirkkala)
Noi, precorrendo di qualche anno quella che si sta rivelando una tendenza attuale, avevamo studiato e curato la realizzazione di un tavolo di design anni '50 ispirato a Wirkkala (visibile nelle nostre foto) in tempi non sospetti, ovvero quando la riscoperta di questo genere ancora non si era diffusa.

Tavolo di design anni '50. Struttura in faggio.
Il nostro progetto era stato realizzato assemblando un telaio in massello di faggio di fine anni '50 ad un piano in vetro temprato, realizzato su disegno, di 12 mm dalla forma rettangolare con una bombatura nella parte centrale, per un maggior sfruttamento della superficie.



La nostra fonte di ispirazione, il tavolo X- Frame è un progetto del 1958, nato dalla creatività del poliedrico designer e architetto Tapio Wirkkala e ad oggi ancora prodotto da Artek su progetto originale.
Tutti i pezzi sono realizzati a mano e numerati...inutile dire che si parla di prezzi proibitivi!

Chiamarlo tavolo è forse riduttivo, in quanto si tratta di una scultura vera e propria, un capolavoro di intaglio il cui telaio in legno massello è ad oggi proposto in diverse essenze, tra le quali olmo e rovere.
È proprio il dialogo tra pieno e vuoto che nasce dal binomio legno vetro, ad enfatizzare la presenza quasi scenica di questo arredo.

Forse per questo, negli anni si è dimostrato e si sta dimostrando una pietra miliare del design scandinavo dal quale tanti oggi traggono ispirazione. Uno tra questi?
Rimadesio, mod. Manta e non solo!

Rimadesio - modello Manta

Rimadesio - foto di dettaglio


E ancora...qualche dettaglio di "leggerezza"...un tavolo fatto di luce.


Un ringraziamento particolare alla nostra "fotografa ufficiale" Roberta Brodini!



Nessun commento:

Posta un commento

Puoi inserire un commento anche senza essere registrato