martedì 24 giugno 2014

La componente "luce" nella scelta delle tinteggiature

Estate...tempo di novità!
Le giornate trascorrono più rilassate (scadenze dell'ultima ora permettendo), le vacanze si avvicinano e anche il desiderio e il tempo di prendersi cura della propria casa si fanno sentire.

Atmosfera "fresca", ma limitata alla scelta di due colori dominanti, per un salotto luminoso


Una delle occupazioni casalinghe tipiche di questo periodo è senz'altro la tinteggiatura o ritinteggiatura delle pareti di casa.
Si tratta di uno step importante, non solo poiché è un lavoro che non si rinnova ogni anno (e va quindi fatto operando scelte oculate e che non stanchino con il tempo), ma anche perché la scelta delle tinte di casa detta l'atmosfera di fondo della nostra abitazione e, pur non volendo sfociare nella cromoterapia, vero è che può influire sull'umore, ad esempio acuendo o smorzando il grigiore di certe giornate invernali.
Senza avere la pretesa di esaurire la tematica, qui di seguito indichiamo qualche spunto di carattere generale che possa essere una piccola linea guida per chi si appresta a rinnovare casa.
Resta inteso che ogni caso è a sè e le cromie andrebbero scelte tenendo conto non solo di linee guida generiche, ma anche e soprattutto valutando caso per caso ambienti: esposizione, arredi, complementi, vivibilità degli ambienti e atmosfera.

Per questi aspetti ci potete contattare, chiedendoci un preventivo gratuito per una consulenza personalizzata (retroanddesign@tiscali.it). Per il resto, buona lettura...



Se la stanza è esposta a Sud, la luminosità si amplifica scegliendo colori in accordo con le tonalità del bianco e del grigio

Un aspetto molto importante da considerare quando ci si appresta a scegliere le tinteggiature è l'esposizione del locale da tinteggiare. Spesso ci si sofferma solo su dimensioni, colori dominanti nell'arredo, senza valutare questo dettaglio.
Considerato che il sole sorge ad Est e tramonta ad Ovest, è facile intuire come gli ambienti subiscano nel corso della giornata delle mutazioni in fatto di luce: la mattina i locali a oriente sono inondati di luce, dopo il mezzogiorno la luce si sposta ad Occidente, illuminando per molte ore (in estate) le stanze che abbiano questo affaccio.

Atmosfere soffuse, ravvivate da accessori...e un'idea per la testiera letto

In inverno l'illuminazione segue lo stesso schema, ovviamente con tempistiche diverse. In sostanza, meno ore di luce sia ad Est che ad Ovest.
Questo porta ad una diversa percezione del colore nel corso della giornata: ad esempio, una tinta color giallo a Ovest, al mattino apparirà più delicata e soffusa, mentre con la luce del pomeriggio si caricherà assumendo tonalità più calde. Discorso più o meno inverso per i locali esposti ad Est.

Il bianco dilata spazi ristretti e riflette la luce naturale


Per quanto concerne i locali che si affacciano verso Sud e quelli verso Nord, questi sono meno soggetti a fenomeni di cambio di luminosità, in quanto sia la luce del Nord che quella del Sud sono piuttosto costanti: luce soffusa e uniforme da Nord, luce piena e costante da Sud.
In questo caso, dunque, la nostra percezione delle tinte non subirà grandi variazioni, essendo la fonte luminosa costante, nella sua provenienza, nel corso della giornata.
Pertanto ,se per gli ambienti esposti a Sud, comunque sempre luminosi, la scelta del colore è meno determinante (tinte calde o fredde, pastello o cariche non saranno comunque mai sbagliate in funzione della luce), i locali esposti a Nord devono godere di maggior attenzione nella ricerca delle tonalità da applicare alle pareti. Ad esempio colori freddi, con base grigio o blu, risulteranno più intensi e percepiti; ciò complice il tipo di luce (fredda e soffusa) che viene da Nord.
Attenzione quindi a non esasperare questo tratto e ad evitare pareti nei toni del grigio, ad esempio, se non si vuol rischiare che l'ambiente risulti "freddo".
Ampio spazio, invece, a tonalità che "riscaldano": non solo i gialli, arancio, rossi (naturalmente parlando in termini di colore base...con tutte le loro varianti), ma anche a colori pastello o colori allegri e accesi che vivacizzino l'ambiente (ad esempio il verde in una tonalità brillante) e ne amplifichino la luminosità diffusa e indiretta.

Per altri consigli o idee seguiteci su www.facebook.com/retroanddesign
Vi aspettiamo!

Bello il total-white se spezzato da componenti d'arredo colorati


Nessun commento:

Posta un commento

Puoi inserire un commento anche senza essere registrato