venerdì 9 gennaio 2015

Puntata 1: Progetto interiors zona ingresso

Buongiorno e ben ritrovati nel 2015!

State per leggere il primo post dell'anno, che mi auguro sia cominciato con il piede giusto per tutti voi. Quindi mettetevi comodi e iniziamo con la presentazione di uno degli ultimi lavori del 2014.
Questa si articolerà in più puntate, ognuna dedicata ad uno spazio...non perdetevele!

Il cantiere è ancora in corso (chi segue le "avventure" di Retrò and Design anche su Instagram o Facebook ha già avuto modo di vedere ogni tanto qualche immagine...); anzi "in corsa" per raggiungere l'obiettivo finale, che oggi iniziamo a mostrare.

Se vi siete persi quale fosse lo stato di partenza, lo trovate qui: un quadrilocale da ridistribuire per venire incontro alle esigenze della nuova proprietà, una giovane famiglia molto carina, con le idee già abbastanza chiare circa le proprie esigenze e il proprio gusto.
Amanti di uno stile moderno che potremmo definire "controllato", ovvero senza eccedere nel minimalismo d'arredo, con qualche tocco più tradizionale qua e là.

Se nel post del "prima" vi avevo presentato la soluzione architettonica, ovvero come avevamo deciso insieme di ripensare l'appartamento, nel post odierno ci soffermeremo sulle scelte d'arredo.
Ogni passaggio è stato il frutto dell'ascolto delle esigenze di chi nella casa ci deve vivere (!). A me solo il compito di ascoltare e fare emergere il gusto personale, di dargli un'interpretazione e incanalarlo in una direzione chiara e coerente.

Come si è svolto il lavoro, per sommi capi?

Fase architettura
  1. Colloquio con i proprietari per capire e prendere nota delle loro esigenze
  2. Sopralluogo e rilievo
  3. Redazione di un paio di soluzioni diverse, per quanto concerne l'aspetto architettonico/ridistributivo
  4. Discussione e modifica della soluzione scelta, fino all'ottenimento del risultato tecnico e funzionale ottimale per i proprietari
Fase arredo
  1. Sopralluogo presso la "vecchia" casa, per fare un inventario di arredi/tessili e complementi da trasferire in quella nuova
  2. Valutazione di cosa conservare, modificare, lasciare
  3. Consulenza in corso di scelta di finiture e nuovi arredi
  4. Distribuzione degli arredi in planimetria
  5. Viste 3D
  6. Moodboard per gli ambienti richiesti, con consigli di stile e indicazioni precise su pezzi d'arredo, genere e marchio

In breve, ecco la planimetria d'insieme, che mostra come sono stati distribuiti gli arredi a nostra disposizione.



In quest prima "puntata" ci concentreremo sulla zona di ingresso (qui sotto una vista zoom).
L'idea di partenza è stata quella di caratterizzarla in modo significativo, renderla un "ambiente nell'ambiente", uno spazio ben definito benchè senza partizioni (tramezze o arredi che la separassero dalla zona giorno).


È una situazione molto comune in quanto, se da una parte è piacevole disporre di una zona giorno ariosa e aperta, dall'altra si rischia di perdere il senso degli ambienti e di entrare in casa senza avere un luogo "filtro", rischiando di rotolare sul divano o sul tavolo.
In questo caso si è potuto definire un ingresso piuttosto ampio, che ben si presta ad essere il "biglietto da visita" di questa casa che vuole essere moderna, ma al tempo stesso intima e accogliente: a spazi aperti, ma al contempo raccolti.
Insomma, l'ampio ingresso merita di essere valorizzato!


Abbiamo scelto di caratterizzarlo utilizzando un deciso color rosso rubino sulla parete di ingresso, con il portoncino del medesimo colore, di modo che l'effetto fosse "a scomparsa".
Tra l'altro, è piacevole l'effetto di contrasto dato dall'accostamento dei listoni in rovere spazzolato, trattato ad olio (quindi dall'aspetto molto naturale), con il candore della parete libreria e del soffitto.
La parete rossa è messa in risalto, oltre che ben illuminata, dalla presenza di faretti a led incassati in un controsoffitto a cornice (solo perimetrale), a forma di "C", che corre lungo le tre pareti che delimitano l'ingresso.


In particolare i faretti hanno anche la funzione di dare risalto e illuminare la zona libreria, che sarà attrezzata con una libreria di linea moderna, bianca, simile alla modulare "System" di Porro.
Da notare che, appena entrati, vi è una consolle in MDF laccato bianco (es. modello Brandani) a contrasto con il rosso porpora, che funge da appoggio e svuota-tasche, nonchè da base per complementi d'arredo e, soprattutto, di una bella abat-jour, che crei atmosfera a faretti spenti.
Cosa ne dite di una "Fontana" by Fontana Arte?
Oppure potrete trarre qualche spunto da un post precedente dedicato alle lampade da tavolo di design. Ce ne sono per tutti i gusti.


La parete di rimpetto a quella d'ingresso si rapporta con essa e contribuisce a delimitare lo spazio; questo effetto "dialogo" si ottiene riproponendo il medesimo color rubino.

Ci piaceva l'idea di creare un angolo lettura accanto alla libreria: così ho collocato una poltrona dal gusto tradizionale, una bergère dalle linee pulite, in tinta chiara (ci pensano già le pareti a dare carattere!), e una lampada da terra perfetta per la lettura perchè orientabile ed estensibile, come il modello Mara Floor Lamp.



Volendo, sempre a scomparsa poichè tono su tono, si può inserire una porta  del tipo Scrigno (ovvero scorrevole), a chiusura della nicchia realizzata nel progetto.
Questo espediente si rivela utile per inserirvi un vano guardaroba/scarpiera, adatto a riporre i cappotti nostri e dei nostri ospiti dietro l'angolo lettura.
In alternativa, non volendo chiudere la nicchia, resterà la parete rossa a far da sfondo a un piccolo mobiletto, che sia d'appoggio alla funzione lettura/relax.

Abbiamo così creato un punto focale piacevole, sul quale l'occhio si posa appena si entra in casa, che abbia anche una sua funzionalità. Certamente è un "di più", ma data l'ampiezza dello spazio ce lo potevamo permettere :-)
Fondamentale è il richiamo cromatico, che troveremo anche nella prossima puntata dedicata a questo progetto, per "legare" tra loro gli ambienti, specie quelli abbracciati dallo sguardo poichè aperti gli uni sugli altri.
Via libera, quindi, a vasi, svuotatasche, paralumi, tessili che riprendano i colori base qui proposti: bianco&rosso.


E ora vi lascio con la tavola moodboard, che raggruppa le soluzioni proposte.

Se avete domande, quesiti o richieste, non vi resta che andare nella sezione About&Contatti.
Anzi, colgo l'occasione per ringraziarvi del vostro supporto e delle mail di apprezzamento che ricevo, invitandovi a vedere la speciale offerta "prima moodboard" per studiare insieme a voi gli elementi giusti per una delle vostre stanze, a vostra discrezione!

Federica


P.S.: Se volete vedere come "va a finire", non scordate di leggere la 2° puntata! (link)



Nessun commento:

Posta un commento

Puoi inserire un commento anche senza essere registrato