venerdì 27 febbraio 2015

Idee d'arredo con pavimenti vintage

Oggi ho proprio bisogno di una "boccata di blog" per condividere qualcosa di bello e creativo, che mi ha colpito.
A dire il vero avevo anche la necessità di evadere un po' dagli impegni professionali che stanno caratterizzando questi tempi e che sono di carattere molto tecnico e dunque, in questa fase, lasciano poco spazio alla fantasia.
Ecco allora che apro la finestra del blog per condividere qualcosa di bello, che mi ha ispirato!

Le case spagnole, quando d'epoca e tipiche, sono spesso contraddistinte da, più o meno apprezzate e apprezzabili, maioliche che ne rivestono i pavimenti.
Abituati come siamo a interni in parquet o in ceramiche dai toni molto neutri, può sembrare un azzardo orientarsi al mantenimento di un pavimento che "lega" molto nelle scelte di arredo: ad esempio un pavimento colorato, con geometrie più o meno anni '70.
Chissà se vi siete trovati a dover decidere se rimuovere o mantenere delle piastrelle un po' troppo seventies...se vi siete chiesti se li avreste potuti "reggere" o se, nel dubbio, avete smantellato il tutto e l'avete sostituito con qualcosa di più omogeneo e monocolore.
Le immagini di oggi vogliono mostrare come ciò che potrebbe essere un punto di debolezza, ovvero un pavimento molto disegnato, quasi invadente nelle sue fantasie, può essere invece essere volto in  enorme punto di forza; altamente caratterizzante, unico e integrabile anche in una casa moderna.

Lo so...i proprietari di questa dimora barcellonese hanno avuto gioco facile: in questo caso i pavimenti erano sí vintage e fantasiosi...ma delle belle maioliche tipicamente spagnole!
Forse non avrete la stessa fortuna, ma l'invito è quello di prendere spunto...


È interessante notare come i colori più accesi e dominanti di queste piastrelle, che vedono spiccare rosso, bianco e nero, siano stati ripresi  nei complementi d'arredo.
Mentre per i pezzi d'arredo principali...CONTINUA

giovedì 19 febbraio 2015

Il mobile pastaia anni '50

Questo post è dedicato a chi ha una lungo muro a disposizione...e anche molti oggetti da collocare.
Sì, perchè il pezzo d'arredo che ho scovato è davvero molto originale e simpatico.
Ben si presta a diventare qualcosa di molto scenico, punto focale ad esempio, di un soggiorno, collocato contro parete o, rifinendolo con uno schienale, anche nel bel mezzo di un'ampia stanza per separare in modo funzionale e intelligente due spazi con funzioni diverse (cucina/salotto oppure pranzo/relax).

Insomma, potete usarlo secondo ciò che fantasia e necessità vi suggeriscono...anche come mobile in cui riporre "per genere" i giochi dei bimbi o, avvicinandosi a quella che era la sua destinazione originaria, come dispensa...
Avete indovinato di cosa si tratta?

Per chi ancora è nella zona "fuoco-fuochino", ecco la risposta: di un mobile pastaia anni '50!


Ogni scomparto, chiuso da un vetro, serviva per riporre, sciolta, la pasta.
Chiaramente è un pezzo" rubato" a una destinazione commerciale: si tratta del vecchio bancone pastaia di una bottega.
A me già solo il pensiero di tutti quegli occhi che vi si sono posati negli anni, delle mani che hanno aperto e richiuso quei cassetti chissà quante centinaia di volte, fa desiderare di "prendermene cura", riportandolo all'antico splendore, rivisitandolo, nel décor e nell'uso, con mille  nuove idee...
Avrei giusto in mente una bravissima decoratrice che mi può aiutare a renderlo un pezzo unico ;-)

Peccato, in questo momento, non avere il giusto spazio ove collocarlo; ma se voi l'avete, non perdetevelo!
Sono sicura che il connubio originalità e funzionalità in questo caso sarà assicurato.
CONTINUA...PER VEDERE IL PRIMA/DOPO...

domenica 15 febbraio 2015

Perchè amo CasaFacile

Archiviato San Valentino, nessun obbligo di fare post sdolcinati.
Ecco allora il mio genuino contributo al contest #mycasafacile!

La mia personale TOP 7+2 dei motivi per i quali amo Casa Facile:

  1. Perchè il suo abbonamento digitale ha salvato la disordinata collezionista che alberga in me
  2. Perchè con i suoi colori allieta molte giornate e mi strappa larghi sorrisi
  3. Perchè scartare quel pacchetto che il postino mi consegna ogni mese è come ricevere un regalo al mese, che sai già che adorerai
  4. Perchè ha alimentato e alimenta le mie passioni e la mia professione (che è una delle mie passioni)
  5. Perchè propone tanti DIY che adoro guardare...ma mai saprò fare...
  6. Perchè la guardi e la riguardi, la sfogli e la risfogli...e noti sempre dei dettagli interessanti che ti sono sfuggiti: un numero dura davvero un mese!
  7. Perchè mi conferma che non serve il lusso per rendere bella una casa.

Anzi, è proprio chi "fa" la casa che la rende bella.
Un po' come questa rivista, il cui spessore non è fatto di centimetri, ma dal grosso lavoro di raccolta e di creatività di chi ci sta dentro. E si sente!

Ah, quasi dimenticavo:

  1. Anche perchè è una rivista 2.0 sul serio: con una pagina Facebook che non è una semplice vetrina, ma una vera comunità
  2. E poi perchè CasaFacile è per tutti. Sa che ognuno ha "la sua casa" del cuore, piccola o grande che essa sia!






mercoledì 4 febbraio 2015

Un Home Staging "VIRTUALE"

"VENDESI / AFFITTASI"

Chi di voi ha appreso questo cartello fuori dalla porta?
Se siete in questa fase, ben sapete come sia difficile riuscire a realizzare la vendita in tempi rapidi.
A volte, pur proponendo al meglio la propria casa e pur affidandosi ai migliori agenti, serve quella "marcia in più" che faccia "sognare" il compratore: che gli permetta di vedere l'immobile sotto un'altra luce e di valutarlo nel migliore dei modi.
Ecco perché è nato l'Home Staging: l'arte di "preparare" la casa (se vuoi saperne di più, puoi leggere qui).
Non è detto che l'Home Staging debba per forza essere fatto nella realtà: volte, per questioni logistiche o di spesa, si può propendere per un Home Staging virtuale, cioè una rielaborazione digitale volta a modificare e migliorare gli ambienti nei loro arredi e finiture.

Oggi vi presento un progetto di Home Staging virtuale: il prima/dopo di una zona giorno.

Per conoscere modalità e costi di questo servizio, visita l'apposita area.


Zona salotto PRIMA

Zona salotto DOPO

I principi dell'Home Staging sono diversi da quelli dell'interor design: lo scopo non è quello di personalizzare gli ambienti, ma di renderli piacevoli all'occhio della platea più ampia o a quelli di un target ben definito (la giovane coppia, il single, la famiglia).
Lo scopo è fornire ai potenziali acquirenti una "chiave di lettura" degli spazi, senza troppi elementi di distrazione, ponendo l'accento sui punti di forza degli spazi e sui loro possibili utilizzi.

Zona pranzo PRIMA
...CONTINUA PER VEDERE LA ZONA PRANZO "DOPO"...