lunedì 7 novembre 2016

La felicità di una casa stile Hygge

In questi giorni mi sono imbattuta in un termine danese: hygge.
Incuriosita, ne ho approfondito il significato e ho scoperto che si tratta di un termine che ha un significato piuttosto ampio che va oltre il senso del "cosy" inglese, ma che si avvicina al concetto di "accogliente", "confortevole", "intimo".
Hygge è uno stile di vita, nato in Danimarca, un Paese in cui lo scarso numero di ore di luce nella maggior parte dell'anno induce i suoi abitanti a vivere la casa molto più di quanto non la si viva alle nostre latitudini.
Chiunque abbia speso qualche giorno nei paesi del nord, specie ospite in una vera casa (se siete curiosi ne trovate una qui) ha certamente notato con quale piacere gli abitanti di questi Paesi amino indulgere non solo in attività domestiche (cucito creativo, DIY, cucina...), ma anche, in generale, in tutto ciò che è connesso all'abitare la casa.
Hygge è proprio l'amore per la lentezza domestica, ma anche il saper godere delle piccole cose in generale.
In casa amore per il decoro: piccole file di luci, ghirlande in carta o tessuto, morbidi tessili in texture diverse, portici e balconi arredati come piccoli salotti, luci soffuse, lanterne e piccoli punti luce. Amore per uno stile di vita domestico: il piacere di ospitare, le cene con gli amici, un bicchiere di vino in compagnia, una tazza di tè bollente e una buona lettura, i lavoretti in casa con i bimbi.
Tutto ciò è hygge dentro casa.
Ma si può essere hygge anche fuori casa: una camminata in montagna,  un picnic al parco, un giro in bicicletta in un luogo tranquillo, un plaid nel prato, un pranzo all'aperto appena il sole fa capolino.
Insomma, hygge è uno stile di vita che si riflette sul modo di concepire la casa stessa: pensata non per stupire o piacere agli altri, ma per se stessi, per il semplice piacere di trovarvi ciò che vi scalda il cuore.

Credits

Sono convinta che il progetto che noi progettisti studiamo debba nascere dalla voce dei nostri clienti: deve essere capace di tradurre in spazi l'idea che essi hanno di "casa".
Infatti, solo comprendendo i loro modi di vivere la casa, le abitudini e la visione che hanno di se stessi nei propri spazi, il progettista può dare forma ai desideri di chi vivrà in quel luogo.

martedì 4 ottobre 2016

Hometour di un tipico cottage inglese

Se seguite Retrò and Design su Facebook avete già avuto un assaggio di questo post... :-)
L'estate volge decisamente al termine, ma la voglia di sognare un autunno che riesca ad essere comunque rilassante nonostante gli impegni lavorativi resta.
Allora cosa c'è di meglio del programmare la sistemazione della propria casa in questo periodo, che è il tempo della ripresa? Sono tante le attività a cui ci si può dedicare nel tempo libero per "fare bella" la propria casa; una tra queste ripensarne lo stile e, nel tempo, avvicinarsi all'ideale che abbiamo in mente.
E se siete affascinati dall'eleganza dello stile British, questo delizioso cottage nel quale si può soggiornare tramite Airbnb, situato nel delizioso villaggio di Farnham, nelle campagne del Surrey, sarà di sicura ispirazione per voi!
Anche se trovate fuori luogo ricalcarne lo stile al 100% in un appartamento di città, il consiglio è sempre lo stesso: prendete un pizzico qua un pizzico là di ciò che vi piace, mixate e create il vostro personale stile. Buona lettura!

La varietà cromatica delle fioriture preannuncia lo stile di questa casa, eclettica, mai noiosa, ricca di sorprese.


Il portoncino è incorniciato dal rigoglioso rampicante: verde e fioritura non hanno un aspetto troppo artificioso e danno quasi l'impressione di nascere dalla spontaneità della natura. Tutto merito delle sapienti mani della proprietaria, che sanno mescolare con stile e maestria gli elementi botanici.

venerdì 29 luglio 2016

** OMAGGIO: La guida GRATUITA per vendere o affittare casa! **

BENVENUTO!

Benvenuto nello spazio di chi ama la propria casa!
Qui parleremo di casa a 360°: architettura, arredo, idee decòr...ma anche "case che se ne vanno".
Case da vendere o da affittare.
Per ringraziarti della tua visita, sono felice di farti un piccolo ma prezioso regalo.
Ti potrà servire se hai intenzione di vendere o affittare la tua vecchia casa: un'utilissima guida alla valorizzazione immobiliare, per vendere/affittare in tempi più rapidi e meglio.

SCARICA ORA LA TUA GUIDA GRATUITA!

PER VENDERE O AFFITTARE CASA PRIMA E MEGLIO

NON PERDERTELA: È GRATIS!
 guida gratis vendere casa


E se vuoi approfondire l'argomento, puoi visitare il NUOVO SITO dedicato esclusivamente
all'Home Staging.

VENDERE CASA BRESCIA

Il blog Retrò and Design continua ad esistere, affiancato da www.homestaging-brescia.com, dal carattere più statico, dove troverai informazioni mirate alla valorizzazione degli immobili.






venerdì 15 luglio 2016

Design nordico, ma con colore!

{Nota: Post ad alto tasso di colore, ispirazioni e relax!}

Ben ritrovati a tutti! Come vi avevo anticipato e come ha avuto modo di vedere chi segue Retrò su Instagram o Facebook ho trascorso qualche tempo in Svezia, più precisamente a Stoccolma.
Questo viaggio mi ha permesso, oltre che di godere delle bellezze della città, anche di andare in cerca di nuove tendenze e visitare alcuni tra i più interessanti negozi di design del Paese, alternando visite a colossi del settore con la scoperta di piccoli designer, grafici o illustratori di nicchia (teniamo la sorpresa per un altro articolo...), che sposano la loro grafica con accessori ed elementi di decòr per la casa.

Cosa interessante, durante il mio soggiorno in questa città dove ogni isola ha una sfaccettatura diversa, ho avuto la possibilità di gustare il sapore di una vera casa svedese.
Mi aspettavo il classico design nordico che ci viene quotidianamente proposto dalle riviste di settore e al quale i colossi dell'arredamento (serve fare nomi?) ci hanno abituato.
Invece devo dire che -impressione confermata anche dalla "sbirciatina" ad altre case in loco- mi ero fatta un'idea errata...
Se è vero che buona parte di finiture e arredamento rispecchia lo stile a cui siamo abituati (mobilio in tinta bianca, colori di base chiari, infissi bianchi, pavimento in parquet essenza betulla), non è affatto vero che i toni sono ovattati, di solo bianco, legno naturale e colori "polverosi".
O, meglio, accanto ad elementi "rubati" alla natura ho trovato un sapiente uso del colore nero, con tocchi decisi e ben dosati, per dare carattere; ma anche di tanti colori accesi e vivaci, che conferiscono energia agli spazi.
Vi porto dunque con me a scoprire il gusto del decoro di questo popolo!

Di questa camera mi piace molto la semplicità con la quale è stata realizzata.
La testiera è un semplice pannello multistrato in compensato, rivestita da un tessuto antracite; i comodini (che si intravedono solo) sono in legno laccato nero, in stile orientale, con doppia antina sul fronte.
L'illuminazione è sia puntuale (comodissime le lampade a braccio snodabile, che lasciano libero il comodino rispetto alla classica abat-jour) sia diffusa, grazie al lampadario sferico in tessuto arricciato.
A parete e sul secretaire d'epoca in radica, stampe oniriche e dai toni pacati, rafforzate da cornici lineari, in metallo o plastica, nere. In alternanza, un paio in legno color naturale, in tinta con la sedia vintage.
La carta da parati leggermente cangiante crea un'atmosfera intima ed esalta la luminosità della stanza.


Il tocco in stile "lettering" si fa notare, con discrezione...

giovedì 16 giugno 2016

Design scandinavo: appunti per un viaggio a Stoccolma

Lo so, questo non è un blog di viaggi, ma che ci volete fare?
L'estate (se si convince) sta bussando alla porta e con essa l'organizzazione vacanze.
In questi giorni quindi sto iniziando a pianificare la visita di Stoccolma e, non ditelo a nessuno, sono partita dalla sezione delle guida dedicata allo shopping...
Però a mia discolpa posso dire che naturalmente quel che mi interessa è lo shopping di design: niente borse/borsette/scarpe & co. ma "cose per la casa" (mettiamola così...).

Ci sarebbe tanto, troppo, da scrivere e descrivere parlando di Stoccolma+Design, tra musei, shopping e mete cult: per citarne giusto un paio Design Stockholm House o lo storico Svenskt Tenn, una sorta di museo del design, famoso per i suoi variopinti tessuti e per gli esclusivi mobili creati da Josef Frank e da altri famosi designer.

Ma a dire il vero nel tempo libero sto studiando cosa hanno da proporre anche le nuove leve: gli studenti svedesi di design, riuniti nel marchio Design Torget .



Chissà, magari una volta là mi perderò tra la bizzarra oggettistica in legno intagliato proposta da Svensk Slöjd: dai classici cavallini intagliati a molto altro. Per scoprire dove affonda le radici il design nordico.

martedì 7 giugno 2016

Il muro "di carta"

Ciao a tutti e rieccomi nel web in un periodo piuttosto intenso. Ho un po' trascurato questo spazio, ma vi posso dedicare solo il tempo che il lavoro mi concede...spero che possa bastare!
Se seguite questo piccolo spazio sapete che non amo particolarmente pubblicare case da rivista o spazi surreali.
Non che non mi piacciano, sia chiaro!, ma trovo che poco abbiano a che vedere con la realtà professionale e con la quotidianità della progettazione.
Ma la sede dello studio di grafica Oktavilla a Stoccolma (progetto dello studio di Architettura Elding Oscarson) mi ha rapita, facendomi immaginare un'architettura che attinga a risorse del tutto inusuali.
Inusuali per usare un eufemismo, considerato che la tramezza divisoria della sala riunioni dall'area operativa  è stata rivestita da fasci di riviste sovrapposte le une alle altre, riuscendo così a garantire oltre che un effetto estetico notevole anche un miglioramento dell'isolamento acustico della stanza.

Geniale l'intuizione dei progettisti svedesi, che ha catturato l'anima di questo edificio in un progetto che dà una forma visibile e concreta di ciò che si fa in questi ambienti.
Diversamente da come molti, in rete, pensano, la struttura non è portante, ma in legno.
Le pile di riviste sono "solo" un rivestimento davvero geniale!
Così come molto interessante è vederne la realizzazione in questo filmato in time-lapse,che mostra le fasi costruttive del rivestimento, o in quello della realizzazione della parete divisoria.
Buona visione e a presto!




venerdì 20 maggio 2016

Idea decoro: gli stickers

Ancora non abbiamo parlato {prometto che lo farò presto!} di uno dei lavori che mi ha vista impegnata negli ultimi tempi, cioè la bellissima avventura di un allestimento di Home Staging di un immobile preso d'assalto dai visitatori in questi giorni, ma oggi ci dedichiamo ad uno dei particolari di questo allestimento: gli stickers!
Già, perchè uno degli strumenti decòr di grande utilità per creare un punto focale in una stanza sono proprio gli adesivi murali, gli stickers, che in questo allestimento sono stati i veri protagonisti della zona relax.
Gli stikers si prestano a decorare, perchè sono facili da applicare, non permanenti (anzi, se di buona qualità sono facilmente removibili) e pertanto rappresentano una grande risorsa sia per chi si occupa di allestimenti per la vendita o l'affitto, sia per chi vuole decorare la propria casa.

Foto by Joy-360 video & foto


Come potete vedere nelle immagini di seguito, ho scelto di vivacizzare una parete candida con delle bellissime farfalle di un verde brillante: le farfalle in volo di Evergreen Orange.

lunedì 9 maggio 2016

Poca spesa, massima resa: linoleum e PVC

Ben ritrovati a tutti!
Oggi affrontiamo la spinosa questione del rinnovo dei pavimenti stando in un budget ridotto.
In parte abbiamo già trattato l'argomento parlando di parquet industriale e di come questa scelta consenta un bel risparmio, pur senza rinunciare ad un materiale vivo e caldo come il legno.
Purtroppo la posa (per altro incollata) del parquet industriale comporta, qualora non si vogliano rimuovere i pavimenti esistenti, un'innalzamento della quota di calpestio, con la conseguente necessità del taglio (se non si riesce a regolarli in altezza) di porte, portoncino e portefinestre. Alternativa altrettanto valida è la scelta del laminato: consente di stare in budget anche ridotti, si può risparmiare con una posa flottante, ma comunque il problema spessore non si azzera.
L'idea che vi voglio proporre è un po' meno nota, di spessore davvero minimo (no, non è la resina!) e...sono sicura che vi stupirà!
So che farete fatica a crederci, ma il protagonista di questo post sono i tanto odiati e bistrattati pavimenti in linoleum e quelli in materiale vinilico.
Nell'immaginario comune si tratta di fogli di plastica adesiva, che solitamente riproducono l'immagine del parquet, incollato, se non solo appoggiato, sul pavimento di qualche locale...il più possibile fuori dalla vista. Ma oggi li rendiamo protagonisti!

Iniziamo con il dire che non si tratta dello stesso prodotto.

giovedì 14 aprile 2016

Home Staging micro-ricettività: la camera del B&B

Tempo fa abbiamo parlato di Antonella e di come, ormai 10 anni fa, è riuscita a riconvertire il vecchio appartamento di famiglia in una struttura micro-ricettiva.
Quando abbiamo discusso di quali fossero le sue aspettative per il suo B&B, mi ha detto che non aveva in mente di rivoluzionarlo, ma semplicemente di piccoli interventi a basso costo e di rapida esecuzione (anche da fare da sola) per ridare freschezza alle stanze e creare un maggior impatto emotivo sui suoi ospiti.
Abbiamo quindi deciso di mantenere la caratterizzazione che aveva scelto per gli spazi: stanza rossa, stanza gialla, stanza gialla; il progetto si è concentrato sull'idea di riproporle in una veste più attuale, cercando di utilizzare i mobili e i materiali già presenti nella struttura per ridurre al minimo i costi. Insomma, si è trattato di un Home Staging Light, principalmente realizzato Antonella stessa, che ha la passione del bricolage e del decoro, con qualche piccolo aiuto.
Oggi trovo finalmente il tempo di mostravi l'ultima parte del lavoro consegnato alla cliente, che ora ne dovrà fare buon uso quando, passata l'ondata di visitatori della fiera di Rho, metterà mano alle stanze che abbiamo rivisto. Mettetevi comodi e fatemi sapere cosa ve ne pare!

La camera "rossa" deve il suo nome ai tessili scelti, agli accessori, a certe finiture (il termosifone)...



venerdì 25 marzo 2016

Buona Pasqua...e 3 idee decòr!

Se anche voi siete giunti ad oggi strozzati dagli impegni di lavoro e vi siete resi conto oggi che Pasqua è alle porte (-2!) e state cercando idee super last-minute per che la vostra casa rifletta un minimo di mood pasquale, siete nel posto giusto.
Ho raccolto per voi tre ispirazioni facile facile, che spero riusciate a realizzare entro Domenica.
E chissà che non si possano riciclare e adattare a tutto l'anno!

HAPPY EASTER!




Uova black & white
Credits

venerdì 11 marzo 2016

11-12-13 Marzo: dentroCASAEXPO 2016 - Brescia

Lo scorso fine settimana ho partecipato ad un evento tenutosi nella mia città, la fiera per la casa e tutto ciò che vi ruota attorno, organizzata dalla rivista dentroCasa: dentroCasaExpo 2016.
La particolarità di questa fiera, inaugurata venerdì 4 marzo e che proseguirà anche questo weekend (11, 12 e 13 marzo), è il suo sviluppo in verticale (ben 14 piani), grazie all'ubicazione in una delle Tre Torri di Brescia.
L'inaugurazione, venerdì 4, è stata "funestata" da qualche problema tecnico, un black-out a vari piani dell'esposizione, che non mi ha purtroppo consentito di visite in toto l'esposizione (se riuscirò, tornerò per completare la visita).

mercoledì 2 marzo 2016

Home Staging micro-ricettività: restyling di un b&b

Antonella è la simpatica proprietaria del bed & breakfast Dolce Riposo, a 6 km dalla zona Fiera, nel comune di Vanzago, hinterland milanese.
Il suo b&b, a gestione familiare, nasce dieci anni or sono quando si affaccia l'idea di sfruttare l'ex appartamento dei genitori, al piano terra della bifamiliare in cui vive, in una tranquilla zona della città di Vanzago.
L'ubicazione è l'ideale per ospitare non solo viaggiatori e frequentatori della metropoli lombarda, ma anche e soprattutto per accogliere il bacino di utenza costituito dai frequentatori della vicinissima Rho Fiera Milano, a soli 8 minuti di treno.

Antonella desidera rinfrescare un po' il look del suo b&b: da quando ha inaugurato l'attività non si è mai dedicata ad un vero e proprio restyling, ma solo a qualche piccolo ritocco qua e là.
Nella stanza comune, dove viene servita la colazione, tutto sembra cristallizzato agli anni '70, ma con inserti "stratificati" nel tempo, rendendo l'ambiente un po' confuso.


martedì 23 febbraio 2016

Interni a tema: il giallo mostarda

Parliamo oggi di un colore piuttosto insolito, uno di quelli ai quali non pensereste mai di affidare il mood di una casa...eppure!
Si tratta del giallo mostarda: il mustard, per dirla all'inglese.
Se temete che faccia troppo anni '70, date un'occhiata a queste scelte interiors: ho il sospetto che molto presto cambierete idea!

Ciò che mi piace di questo colore è che, pur essendo un colore dalla base "calda", riesce a non essere smaccatamente un colore etnico o estivo.
È elegante, sicuramente dal gusto un po' vintage  se accostato ai toni del marrone e delle terre, ma molto raffinato. Assolutamente attuale e insolito, se ben dosato e abbinato a tinte pastello; o, ancora, a tinte più decise come il turchese, il petrolio o la loro combinazione, il color ottanio. Oppure, perchè no, il grigio.
Sfogliate con me le immagini che seguono per scoprire i punti di forza di ogni ambientazione.

Credits

lunedì 15 febbraio 2016

Promozione -20%

Per amarsi non c'è un solo giorno all'anno.
Ma anche per amare la propria casa!
Ecco perchè la promozione -20% prosegue fino al 29 Febbraio

Buon San Valentino 365(+1) giorni l'anno!

lunedì 25 gennaio 2016

Oggi parliamo di...Home Staging

Qualunque sia la necessità che ci induce a voler vendere o affittare casa, una cosa è certa: meglio farlo nel modo più rapido e con il miglior rendimento economico possibile.
Partendo da questa certezza si sviluppa l'HOME STAGING, una tecnica di marketing immobiliare che segue regole ben precise e finalizzate alla vendita/affitto nel miglior modo possibile.
Ciascuno di noi, per un importante e unico appuntamento, sa di doversi preparare in modo impeccabile: la chance va giocata al meglio.
Allo stesso modo, quando immettiamo un immobile sul mercato, arredato o vuoto che sia, è importante che il prodotto "casa" si presenti al "grande appuntamento" ben preparato, valorizzando i propri pregi.


martedì 12 gennaio 2016

Restyling di un bilocale anni '70: spazio notte

Ben ritrovati per il primo post del 2016!

Io finalmente trovo il tempo di presentarvi la puntata finale del progetto di cui abbiamo già parlato, trattando la planimetriazona dell'ingresso e il living.
Resta solo l'ultimo atto: lo spazio notte!
In realtà si tratta di due ambienti non attigui: al bagno (che è stato conservato nella posizione originaria) si accede dalla zona di ingresso, mentre alla camera da letto matrimoniale si accede dalla parte terminale del corridoio, .

Il bagno riprende lo stile vintage della casa. Rispetto all'originale è stato leggermente ampliato...giusto giusto la nicchia per l'inserimento di una comoda doccia in muratura!
I rivestimenti a pavimento e della doccia sono nuovi, ma in stile con le cementine d'epoca: i colori scelti sono i toni del carta da zucchero e del rosso; ripresi nello smalto alle pareti e negli accessori.