lunedì 7 novembre 2016

La felicità di una casa stile Hygge

In questi giorni mi sono imbattuta in un termine danese: hygge.
Incuriosita, ne ho approfondito il significato e ho scoperto che si tratta di un termine che ha un significato piuttosto ampio che va oltre il senso del "cosy" inglese, ma che si avvicina al concetto di "accogliente", "confortevole", "intimo".
Hygge è uno stile di vita, nato in Danimarca, un Paese in cui lo scarso numero di ore di luce nella maggior parte dell'anno induce i suoi abitanti a vivere la casa molto più di quanto non la si viva alle nostre latitudini.
Chiunque abbia speso qualche giorno nei paesi del nord, specie ospite in una vera casa (se siete curiosi ne trovate una qui) ha certamente notato con quale piacere gli abitanti di questi Paesi amino indulgere non solo in attività domestiche (cucito creativo, DIY, cucina...), ma anche, in generale, in tutto ciò che è connesso all'abitare la casa.
Hygge è proprio l'amore per la lentezza domestica, ma anche il saper godere delle piccole cose in generale.
In casa amore per il decoro: piccole file di luci, ghirlande in carta o tessuto, morbidi tessili in texture diverse, portici e balconi arredati come piccoli salotti, luci soffuse, lanterne e piccoli punti luce. Amore per uno stile di vita domestico: il piacere di ospitare, le cene con gli amici, un bicchiere di vino in compagnia, una tazza di tè bollente e una buona lettura, i lavoretti in casa con i bimbi.
Tutto ciò è hygge dentro casa.
Ma si può essere hygge anche fuori casa: una camminata in montagna,  un picnic al parco, un giro in bicicletta in un luogo tranquillo, un plaid nel prato, un pranzo all'aperto appena il sole fa capolino.
Insomma, hygge è uno stile di vita che si riflette sul modo di concepire la casa stessa: pensata non per stupire o piacere agli altri, ma per se stessi, per il semplice piacere di trovarvi ciò che vi scalda il cuore.

Credits

Sono convinta che il progetto che noi progettisti studiamo debba nascere dalla voce dei nostri clienti: deve essere capace di tradurre in spazi l'idea che essi hanno di "casa".
Infatti, solo comprendendo i loro modi di vivere la casa, le abitudini e la visione che hanno di se stessi nei propri spazi, il progettista può dare forma ai desideri di chi vivrà in quel luogo.