giovedì 20 luglio 2017

PRIMA - DOPO di una vecchia veranda

Iniziamo subito con un "disclaimer": questo post è a prova di imbranati.
Perchè se ce l'ho fatta io ce la potete fare anche voi.
In questa calda estate ho pensato di osare, di provare a superare i limiti che la mia scarsa manualità mi impone e...buttarmi sì in un progetto, ma stavolta di faidate.
Il fatto che non vi siano fotografie dettagliate delle fasi di lavoro la dice lunga su quanto contassi davvero di poter pubblicare un simile intervento.
Francamente mi davo chance Z E R O.
Curiosi di sapere di cosa si tratta?
Buona lettura!


Capita a volte di visitare una casa e guardarsi attorno, ma di rendersi conto che quello che si sta vedendo...non è veramente davanti agli occhi!
È ciò che mi è accaduto quando ho visto questa veranda: se sulla mia retina si rifrangevano uno spazio trascurato, un vecchio ripostiglio malandato, pieno zeppo di cianfrusaglie da buttare, muffa e ruggine...al mio cervello arrivavano altri input...

La veranda prima dei lavori






Veranda in fase di rimozione muffe e vernici al parapetto


Io ci vedevo un divanetto o una poltroncina, del verde, la luce perfetta, un buon libro o un angolo per fare quei lavoretti che in casa non sai mai dove.
C'è voluto un po' per trovare il tempo e...sì...anche il coraggio, ma alla fine posso dirlo: l'ho fatto io!
Già, perchè quando stai troppo sulle scartoffie la voglia di sporcarti le mani ogni tanto ce l'hai.
Presa da questa insana voglia, mi sono recata nel mio colorificio di fiducia, uno di quelli dove trovi i prodotti giusti e una pacca sulla spalla.
Il negoziante mi ha congedato con "è un lavoretto facilissimo, che può fare anche una casalinga!".
Con un guizzo d'autostima mi sono detta "se lo fa una casalinga, lo può fare anche una progettista dalla manualità zero...che ci vuole?!".

Appunto.
Diciamo che nella stesura della prima mano della vernice epossidica (ligiamente miscelata con diluente e catalizzatore - insomma, l'indurente- come "prescritto" dal mio solerte negoziante di fiducia) ho proprio pensato che forse come casalinga aveva in mente tipo "Barbara di Paint Your Life" [che poi gli devo spiegare che QUELLA non è una casalinga, ma una   d e c o r a t r i c e].
La vernice si presentava estremamente liquida e per nulla coprente. Qualche schizzo qua e là già aveva sporcato il parapetto della veranda, che avevo con fatica liberato da varie insistenti muffe, scrostato e ritinteggiato con antimuffa bianca (ben due mani di fondo - primer- previe).
Trascorse 3 ore di asciugatura mi sono detta, poco convinta, "O la va o la spacca"; ormai a metà lavoro non potevo sottrarmi, anche se sarei scappata volentieri persino per discutere con il più pedante dei tecnici comunali dello sportello edilizia. E invece è successo. Il miracolo.
A volte capitano.
Mentre stendevo la seconda mano, diversa diluizione, tutto ha iniziato a prendere forma: la vernice ad indurirsi, le macchie a coprirsi, il colore si è fatto pieno e la consistenza quasi plastica.
Ho toccato il cielo con un dito: ce l'avevo fatta!

Veranda dopo la stesura della vernice epossidica


Il resto è stato facile: il divanetto di sempre, un po' di verde che chissà quanto durerà, tendine filtranti di battaglia (perchè si tratta di uno spazio di confine indoor-outdoor) una candela profumata di quelle che ti sembra di stare al mare (immancabile Yankee Candle).


La veranda: angolo di pace e relax


La veranda: vernice epossidica a pavimento...e un po' di verde

Dettagli


Dettagli
Ecco, morale della favola? Più d'una, a mio parere. 

1) Crederci sempre, volere è potere: superare i propri limiti fa sentire davvero vivi.
2) La vernice epossidica è strepitosa: continua, plastica nella consistenza, piacevole al tatto, tutto sommato facile da stendere con un semplice rullo, impermeabilizzante.
Soprattutto...
3) Ad ognuno il proprio mestiere...ma se proprio insistete io posso darvi l'indirizzo del famoso buon colorificio...e anche la mia personale pacca sulla spalla! ;-)

2 commenti:

  1. Una trasformazione incredibile e un lavoro lodevole! Ottimo risultato

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Ciao Fiorella! Che piacere rileggerti. Scusa ma ho visto solo ora il tuo commento...Grazie mille per i complimenti, è stato un lavoro che mi ha dato grande soddisfazione. Aspetta i prossimi, appena terminati li devi vedere! ;-)
      Un abbraccio

      Elimina

Puoi inserire un commento anche senza essere registrato